YATO: il cantautore che rende più elettrica l’elettronica

Ascoltare l’ultima fatica di YATO significa essere stimolati da elettrodi invisibili e da parole che raccontano i figli della Generation X. “Senti che puoi dimenticare/ il ritorno del dolore/ di ciò che hai perso”: YATO canta i giovani e canta se stesso, dando sfogo attraverso la scrittura ai demoni propri di ogni artista e dando voce ai problemi sociali della contemporaneità, proprio alla maniera dei poeti. La musica stessa ha una forma poetica, con leitmotiv ritmici che la strutturano e che rendono ciascun pezzo unico e ciclico. Ogni brano è un eterno ritorno di sonorità electro rock e dance, in cui i vocal loop svolgono un ruolo chiave e che confermano YATO come uno degli artisti più interessanti della scena underground nazionale.

SARAH COLAUTTI

Link originale: http://www.ithinkmagazine.it/recensione-yato-fuck-simile/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *